Acustica di base

Suoni e rumori

Come viene definito il "rumore" e come viene misurato?

Il rumore può essere descritto generalmente come suono indesiderabile. Da un punto di vista soggettivo, il suono è una vibrazione dell'aria che è percepita dall'orecchio umano. Da un punto di vista oggettivo invece, il suono è una fluttuazione di pressione che ha un'intensità (volume) e una lunghezza d'onda (passo). L'intensità del suono dipende dal livello di pressione, che è espressa in decibel (dB) e può essere misurata in modo esatto con un fonometro. La frequenza è invece espressa in cicli al secondo e l'unità di frequenza è l'hertz (Hz).

Perché è necessario un buon isolamento contro il rumore?

L'esposizione ad alti livelli di rumore può essere nociva per la salute dell'individuo e pericolosa nelle situazioni in cui occorre prestare attenzione a potenziali pericoli; quest'ultimo caso si verifica spesso negli ambienti di produzione, dove i rumori prodotti dai macchinari rendono difficilmente percepibili i segnali acustici di avvertimento emessi dagli stessi. L'esposizione prolungata ad alti livelli sonori può indurre la perdita della capacità uditiva nonché patologie legate al sistema cardiocircolatorio.
Il rumore comunque, anche quando non è a livelli sonori particolarmente elevati, è un elemento che può causare inefficienza sul lavoro e calo del rendimento. In particolare i rumori intermittenti oppure a bassa frequenza hanno effetti di disturbo sulla concentrazione degli individui; esempi possono essere rappresentati dal rumore delle apparecchiature d'ufficio, dal traffico e da cantieri. Invece i rumori prolungati ed ad alta frequenza, come quelli provocati dalle condotte dei sistemi di condizionamento o dai ventilatori, causano invece stanchezza fisica riducendo le prestazioni personali.
Anche nelle abitazioni la presenza di rumori provenienti dall'esterno può essere un elemento di forte disagio e causare stress alle persone che vi abitano.

Quali interventi possono essere effettuati contro il rumore?

Ci sono due modi distinti di gestire e controllare il rumore. Il primo riguarda il comportamento dell'edificio nei confronti dei suoni provenienti dal mondo esterno (o da altre abitazioni), ci riferiremo a questo concetto con il termine di fonoisolamento. Il secondo invece riguarda gli aspetti acustici dell'ambiente in cui si vive e come quest'ultimo si comporta nei confronti di eventuali sorgenti sonore interne ad esso, parleremo in tal caso di fonoassorbimento.